La città

I Anno | 25 maggio 2018

Per convenzione si definisce città un centro urbano con più di 20.000 abitanti in cui ci sono tutti i servizi utili per il cittadino, come scuole, università e ospedali.

Come in qualsiasi centro urbano troviamo negozi e locali per trascorrere il tempo libero (cinema, teatri, ristoranti, ecc.).

Tutte le città hanno un nucleo (il “centro storico”), dove ci sono gli edifici più antichi e i quartieri residenziali.

Lontano dal centro ci sono le periferie, cioè le zone abitate recentemente, le aree industriali, i centri commerciali.

Le città quando superano il milione di abitanti vengono definite metropoli (ad esempio Londra, Roma, Parigi).

 

Funzioni fondamentali della città

 

Tutte le città svolgono una funzione abitativa, in quanto garantisce ai cittadini gli spazi in cui abitare.

Le città che ospitano le industrie, negozi, supermercati, stazioni, aeroporti svolgono una funzione economica e commerciale.

Alcune città svolgono funzioni politiche e amministrative, come le capitali dello Stato (ad esempio Roma) o come i capoluoghi di regione o provincia, sede degli organi politici e degli uffici della Pubblica Amministrazione.

Vi sono città importanti per le università e i centri di ricerca scientifica, che svolgono un’importante funzione culturale ed educativa.

 

La forma della città

 

Avete mai osservato su google maps le città dall’alto?

Ogni città ha una forma diversa dovuta alla morfologia del territorio: ci sono città nate lungo un fiume, sulle coste, in pianura o in collina.

La forma della città è anche frutto dell’intervento dell’uomo; così abbiamo città con:

  • Pianta a scacchiera: sono le città fondate in epoca romana. Le strade sono parallele tra loro e si incrociano perpendicolarmente.

Questa forma richiama l’accampamento militare romano con le due strade principali: il cardo e il decumano.

Un esempio di città con pianta a scacchiera è Torino.

  • Pianta radiocentrica: le strade partono a raggiera dal centro della città. (per esempio, Milano).
  • Pianta poligonale: sono città tipiche dell’epoca rinascimentale, le cosiddette città-fortezza, come ad esempio Palmanova, in provincia di Udine.

Palmanova fu fondata dai Veneziani a scopo di difesa dalle invasioni dei Turchi e per questo ha la particolare forma di stella, un poligono regolare con nove lati, circondata da mura e da un fossato.

  • Pianta lineare: tipica delle città costiere, hanno una pianta geometrica e ordinata.

 

Ragazzi, scegliete una città che vorreste visitare e provate ad immaginarne la forma della pianta. Poi consultate google maps e osservate la pianta. L’avevate immaginata in quel modo?

Buon viaggio, cari ragazzi!

Gabriella

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Leggi l'informativa sui cookie
Privacy Policy

Chiudi