Il testo argomentativo

Il testo argomentativo, approfondimento di italiano per gli studenti del terzo anno della Scuola Secondaria di I grado | Homework & Muffin

III Anno | 27 novembre 2017 | Tags:

Oggi vi illustrerò le caratteristiche del testo argomentativo.

Quante volte vi sarà capitato di discutere con i genitori, gli amici o gli insegnanti su diversi temi: su un particolare approfondimento, sulla politica, su un fatto di cronaca, su usi e costumi di un popolo, ecc.

Siete stati in grado di confutare gli argomenti presi in esame? Siete stati convincenti?

In una discussione è importante non solo esporre il proprio punto di vista, ma saperlo sostenere, portando prove che convincano gli altri.

L’abilità nell’argomentare sarà un elemento prezioso per esprimervi al meglio nella scuola, nella vita e nel lavoro.

Le principali componenti dell’argomentazione sono:

  • Un problema, cioè un argomento di discussione;
  • Una tesi, cioè un’opinione di cui si vuole dimostrare la validità;
  • Degli argomenti, ovvero tutte le prove a sostegno della tesi.

Gli argomenti (o prove) devono essere scelti con molta cura.

Per convincere il nostro interlocutore ci occorrono prove davvero valide, provate, chiare e significative.

Quando dobbiamo esprimere la nostra opinione, sappiamo che non tutti saranno d’accordo con la nostra tesi.

Dobbiamo tener conto che ci saranno prove che sosterranno la tesi contraria alla nostra, cioè l’antitesi.

Con la tecnica della confutazione prevedremo le possibili obiezioni e predisporremo gli argomenti per confutarle dimostrando come e perché l’antitesi non è valida.

In classe abbiamo scritto un testo partendo da questa traccia:

Sei stato in punizione per un mese: i tuoi genitori hanno requisito il tuo cellulare e non hai potuto connetterti a Facebook. Ora sei stato invitato a riflettere sulla necessità di trascorrere tanto tempo sui social network. Prova a sostenere la tua opinione con dei validi argomenti.

Vi propongo quanto elaborato insieme ai miei alunni nella seguente tabella in cui abbiamo schematizzato la struttura base del testo argomentativo.

Parti del testo argomentativo Consigli per scrivere un testo argomentativo Esempio
Problema Esaminare attentamente il problema da affrontare, analizzare i vari aspetti, valutare le informazioni che abbiamo e documentarsi per raccogliere nuovi dati. Sono stato in punizione per un mese: non ho potuto usare Internet e di conseguenza non ho potuto accedere al mio social preferito Facebook.

Ora devo convincere i miei genitori di poter trascorrere un’ora al giorno sul web.

Tesi Decidere quale tesi sostenere. Secondo la mia opinione i social sono utili per condividere foto, video, informazioni, ecc.
Argomenti a favore della tesi Scegliere le prove a nostro sostegno è uno dei momenti più delicati nella stesura del testo. Da queste dipenderà il successo della nostra argomentazione. Ad esempio, attraverso Facebook continuo ad aver contatti con la mia amica Giovanna, conosciuta in vacanza la scorsa estate in Puglia.
Antitesi Si prendono in considerazione le obiezioni degli “avversari”. I miei genitori sostengono che trascorrere troppo tempo sui social ci allontani un po’ dalla realtà e porti a trascurare gli impegni quotidiani, come lo studio.
Confutazione degli argomenti a favore dell’antitesi Si dimostra la non validità dell’antitesi. Oggi la realtà virtuale dei social è parte integrante della nostra vita grazie alla quale possiamo trovare facilmente degli approfondimenti su quanto appreso a scuola.
Conclusione Si ribadisce la nostra tesi. Un uso adeguato dei social è quindi sia divertente ma soprattutto utile per scambiarsi idee e reperire informazioni in maniera rapida.

 

Partendo da questa struttura si possono approfondire ulteriormente i vari punti, qui elaborati in maniera sommaria per presentare in modo semplice il testo argomentativo.

Ci sarebbero diversi argomenti riguardo al problema preso in esame: la violazione della privacy, il cyber bullismo, la dipendenza dai social, l’incapacità di socializzare nella vita reale, ma anche l’utilità delle piattaforme web per gli insegnanti.

In effetti, io mi avvalgo di uno spazio Internet per “socializzare” con gli studenti d’Italia e per aiutarli “virtualmente” nello studio delle materie umanistiche.

Ovviamente bisogna considerare gli aspetti negativi e positivi del problema, tener conto dei vantaggi ed evitare di abusarne.

Ragazzi, ora possedete le strategie e le tecniche utili per un ragionamento efficace e convincente.

Dovete però essere sempre aggiornati e pronti al confronto con responsabilità, buona coscienza e oggettività.

Comprate un giornale, leggete tanti libri, parlate con il vostro amico, confrontatevi con il vostro vicino, ascoltate chi vi sta affianco e … aprite la vostra mente!

Buono studio!

Gabriella

 

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*